Visualizzazioni ultimo mese

Cerca nel blog

Translate

lunedì 14 maggio 2018

Prigionieri per debiti

L’Agenzia delle Entrate declama il grande successo di mezzo milione di domande per la rottamazione che scade domani. Ma quanta gente può e deve effettivamente pagare? Uno sportello sindacale dice “Basta”

Si chiama “Definizione agevolata 2000/17” o, più volgarmente, rottamazione. Entro il 15 maggio si possono infatti estinguere i debiti iscritti a ruolo attraverso un versamento a sanatoria senza pagare le sanzioni e gli interessi di mora. L’Agenzia delle Entrate Riscossione, un tempo Equitalia, annuncia l’apertura straordinaria dei suoi sportelli per la scadenza del 15 maggio e non nasconde il “successo”: già oltre 450mila domande di rottamazione con il Lazio in testa seguito dalla Lombardia. Assieme sfondano quota 100mila domande. Recupero previsto: 1,6 miliardi nel 2018 e 400 milioni nel 2019. Tutto bene? Si per l’Agenzia delle entrate. Meno per chi deve pagare. Ancora meno per chi pagare non dovrebbe ma si è visto arrivare a casa una raffica di notifiche. Molte delle quali, in realtà, contestabili. E l’Agenzia non è certo un modello di trasparenza. Paga, rottama e taci.

Qualcuno però sceglie di non stare zitto. Per esempio lo sportello “Basta debiti”  dell’Usb, l'Unione Sindacale di Base nata nel 2010 dalla fusione di Rdb - Rappresentanze Sindacali di Base e SdL - Sindacato dei Lavoratori, storiche sigle del sindacalismo conflittuale ed indipendente presenti da decenni in Italia. A questa nuova confederazione (oltre 80 sedi regionali e provinciali e sedi aziendali in tutta Italia) aderiscono anche l’Associazione Inquilini e Abitanti (diritto alla casa), Usb Pensionati e Slang (Sindacato Lavoratori Autonomi di Nuova Generazione), in rappresentanza di lavoratori e lavoratrici autonomi, indipendenti, occasionali, a prestazione, disoccupati, studenti. Lo sportello “Basta debiti” è una novità abbastanza recente.

“Basta debiti” cura i contenziosi di chi è indebitato ponendosi al primo posto due obiettivi: diritti e dignità. E in molti casi è proprio la legge che dice che molti debiti non solo non vanno rottamati ma non andrebbero proprio pagati. Equitalia, o la sua trasformazione di facciata, è in realtà solo una parte di un problema assai più ampio. Si può uscire dai debiti? Lo sportello dice che si può.

“Basta debiti” si occupa di una vasta gamma di problematiche: dalle cartelle dell’Agenzia delle entrate a problemi bancari in genere (conto corrente, mutui, carte di credito, revolving) o alla questione “bollette” fino al cosiddetto “avvitamento” da indebitamento. «Lo Sportello – spiega Veniero Rossi che ne è il responsabile - può essere considerato uno strumento di contrasto alle povertà e alle angherie che spesso si verificano nella vita di tutti i giorni, dove speculazione commerciale, carenza di valori etici, difficoltà pratiche, scarsa trasparenza, incidono sulle persone minando le loro capacità di risposta pratica e la loro stessa dignità. In buona sostanza, il fine ultimo è il recupero sociale delle persone attraverso un percorso di conoscenza attivo, riassegnando le priorità, diritti e doveri verso se stessi, la famiglia, la collettività».

 Non solo risolvere il debito insomma, ma riacquistare fiducia: a oggi ci sono circa 21 milioni di contribuenti che risultano avere debiti a vario titolo con oltre 8mila enti creditori, anche se il 53% ha accumulato pendenze che non superano i 1000 euro. Per molti però l’indebitamento – piccolo o grande - diventa insostenibile al punto di causare depressioni, patologie e persino il suicidi.
«Agiamo su più livelli – spiega ancora Rossi - di cui il primo è quello pratico: è costituito dall’ottenimento del risultato personale oggetto della controversia così che si recuperi oltre alla persona anche i suoi valori di riferimento. Miriamo alla formazione di una coscienza inclusiva, capace di risolvere i problemi. E riteniamo così che si possa fare pressione e incidere collettivamente su una società imprenditoriale e politica che troppo facilmente discrimina e sfrutta. Cominciamo dall’identificazione del problema e si avviano pratiche semplici per la sua risoluzione. Risultati? Posso affermare che il risultato positivo si attesta al 99%».

Torniamo alla rottamazione del 15 maggio. «La domanda verte su quanto accadrà dopo, al termine della rottamazione, considerato che tante persone vi avranno fatto ricorso al fine di ottenere un sottaciuto periodo di pausa con conseguente non azione esecutiva, costituita dal periodo intercorso per esaminare la domanda e la chiusura per legge della rottamazione. Periodo al quale andrà ad aggiungersi altro tempo prima che Agenzia delle Entrate constati che in tanti non potranno comunque pagare. Vista la necessità dello Stato di incassare, il richiamo dell’Europa al contenimento dell’evasione, i nuovi poteri che consentono pignoramenti e l’accertamento sui conti correnti, cosa accadrà a tante famiglie? Non sarebbe più giusto cancellare d’ufficio i pregressi che superano i 5 anni e concedere alla popolazione una effettiva sanatoria in modo che il personale si dedichi più proficuamente ai grandi evasori? Credo – conclude Rossi – che si tratterebbe di una scelta etica: il tentativo di avvicinare tanta povera gente allo Stato che la allontana invece attraverso ingiunzioni e pignoramenti. C’è una crisi, ancora irrisolta che va avanti dal 2008. Una crisi che ha procurato ferite e disperazione. Sarebbe ora di superarla anche con gesto di umanità». Rottamando non i debiti ma - parafrasando il classico di Cheryl Payer “Prigionieri per debiti” - la prigionia del debito.

Uno stato etico

«Penso che uno Stato maturo debba essere prima di tutto giusto, etico, trasparente il che significa dare a tutti le stesse possibilità di accesso e restituire a ognuno la sua dignità. Non è quello che avviene e il meccanismo di riscossione dei debiti finisce a colpire i più poveri, a negare l’accesso a una vita dignitosa punendo chi ha magari avuto un problema nel corso della sua vita e seppellendolo che un debito che potrebbe non riuscire mai a pagare: chiudendolo in un circolo vizioso che gli impedisce di ripartire». Nell’ufficio di Veniero Rossi, nella periferia romana del Quadraro, c’è un manifesto col simbolo di “Basta debiti”, uno sportello del consorzio di sindacati Usb, che aiuta chi è sommerso da cartelle esattoriali, richieste di pagamento, multe, sanzioni. Sul manifesto campeggia Robin Hood, il leggendario eroe che rubava ai ricchi per dare ai poveri. Un Robin Hood moderno è invece il responsabile dello sportello, Veniero, cinquant’anni e una folta capigliatura leonina. Era un funzionario di livello in una banca e si portava a casa uno stipendio altrettanto di livello. Poi un giorno la banca chiude e butta lui e i colleghi in mezzo a una strada: dalle stelle alle stalle. A quel punto gli salta addosso il fisco e la vita di Veniero comincia a sprofondare. «Oggi – racconta – penso che invece quella che è stata una tragedia, sia stata per me una fortuna che mi ha fatto fermare un momento a pensare. E quando sono uscito dalla mia vicenda personale ho cominciato a meditare su come avrei potuto aiutare altri come me. In banca avevo imparato un mucchio di cose e conoscevo bene i buchi neri nelle amministrazioni dello Stato o dei privati. Sapevo che Equitalia o l'Agenzia delle entrate, può continuare a perseguitarti anche con cartelle contestabili per i più svariati motivi e persino per errore. Sapevo che un avvocato avrebbe potuto tirare fuori dai guai un mucchio di gente, aiutandola a ripartire. Sapevo che questa lacuna nella trasparenza è una delle pecche maggiori della macchina amministrativa e che ovviamente chi non sa – chi l'avvocato non può permetterselo – continua a pagare anche quando non deve. Uno Stato maturo non può comportarsi così. A quel punto ho chiesto a due sindacalisti che conoscevo, Angelo Fascetti e Guido Lutrario, se Usb non volesse aprire uno sportello ad hoc. Io mi si sarei impegnato. E così abbiamo iniziato tre anni fa.

Qualcuno potrebbe obiettare che sono “furbizie” per non pagare il dovuto…

E’ il contrario. Le furbizie sono quelle della macchina della riscossione che non rispetta né la trasparenza né un’etica che impedirebbe loro di esigere un credito che non si può più esigere. Lo sanno ma non lo dicono e tu continui a pagare. Il truffatore professionista queste cose le conosce e si organizza in modo da frodare con intelligenza. Ma il debitore medio, che se non ha pagato lo ha fatto spesso per necessità, queste cose non le sa. Paga e basta e, se non ce la fa, gli pignorano i beni.

Uno potrebbe dunque fare da solo?

No. E’ complicato conoscere e stabilire quando e come si deve pagare o meno. E serve un avvocato perché è solo il giudice che può chiudere certi contenziosi. Lo sportello segue chi ha bisogno, gli indica un avvocato di fiducia, accompagna le prime mosse concordano un piano di rientro per sanare il contenzioso in maniera sostenibile. In questo modo, la gente prende in mano la sua situazione con consapevolezza. E’ il primo passo per liberarsi dal peso del debito e ripartire.

Quante persone vengono allo sportello?

Dalle settanta alle novanta al mese. Sia per vecchie cartelle di Equitalia, sia per un indebitamento che non si riesce a sostenere: banche, bollette, spese telefoniche, errori di fatturazione. Vedo povertà, dolore, disperazione. Ma se ne esce e la coscienza dei propri diritti è il primo passo per riacquistare dignità. Per tornare ad essere persone.

13 commenti:

Vegetus.Net ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Vegetus.Net ha detto...

Ho 60 anni, una vita che ricorro ai prestiti personali. Che siano banche o Finanziarie, poco importa. Ho sempre onorato i miei debiti ed infatti hanno continuato a finanziarmi proprio perché ho sempre onorato i miei debiti. 10 anni di blocco della retribuzione, inflazione programmata ed altri artifizi economici, hanno ridotto notevolmente il reddito familiare. Il potere di acquisto non è rimasto lo stesso, negli ultimi 10 anni! Si, Veniero cerca di aiutarmi. Consiglio a tutti di andare allo sportello Basta Debiti USB e di NON continuare a privarvi dell'indispensabile pur di tentare di continuare a pagare. È un grande errore perché i creditori fanno proprio leva sul termine "onorare" i propri debiti. Ma non è questione di Onore perché non puoi dare somme di denaro a chi sai bene che non potrà restituirteli. La tua busta paga la conoscono bene come conoscono bene quanti finanziamenti hai in corso. Solo questo fatto è indicativo di una perversa volontà di asservire. Ci vogliono schiavi. Andate allo Sportello Basta Debiti USB il prima possibile!!!

Alessandro D'Arpini

Veniero Rossi ha detto...

“Onorare” indubbiamente ha che fare con “Rispettare” la parola data, quanto la scadenza, la somma.
Allora il termine mette in soggezione - perché sembra avere a fare con l’onorabilità di una persona.
Un concetto sempre attuale per brave persone, lavoratori, coniugi e genitori attenti e impeccabili che avvertono le “Responsabilità “ e se ne fanno carico.
La crisi in atto da tanti anni ha però pregiudicato lo stato economico di tutta la “media” delle famiglie.
-Chi ha perso il lavoro.
-Chi mai l’avuto e l’avrà.
-Chi ha perso la salute.
Dunque impegni presi e che si potevano rispettare, diventano all’improvviso vette insormontabili e occorre contare gli spicci per tentare di valicarle.
Non è dunque condizione facile quella che passiamo in questi anni tanto bui.
In senso generale il “debito” è la molla da sempre utilizzata dal progresso.
Impegno, studio, lavoro, dunque sono il sacrificio e da sempre la via del riscatto.
Qualcosa però è accaduto e lo “Sforzo” è diventato un elemento perenne che consuma. Un fatto dal quale non puoi staccarti e che schiavizza.
"Se hai debiti non puoi andartene, non puoi scappare", quante volte si è sentito?
L’errore lo compie la Società che offre modelli per i giovani invincibili e noi svolgiamo il torto nel considerarci “inesauribili”.
Rischiamo forze, poche risorse, salute nel tentativo spesso disperato di sovrastare l'onda.
Così non valutiamo con assennatezza di comprare a caro prezzo cose e beni che un tempo la natura forniva senza costo, seppure in soluzioni molto più arrangiate.
Parlo delle case e delle grotte, come dell’automobile, del cavallo, della bicicletta.
Beni per certo indispensabili ma che oggi vengono centellinati.
Così le case sono sempre più piccole e care e gli alimenti, per noi, più scadenti.
Il meglio è destinato al migliore.
La Società contemporanea domanda di distinguerci dal vicino e pone le persone in diretta discussione.
Uno su mille ce la fa, da quanti anni gira, questa illusoria canzone?
Siamo sicuri che sia un concetto valido, equo?
Cosa accade agli altri Novecentonovantanove?
- Così si finisce a prevaricare o a sottometterci.
Un pessimo fare, insomma, che sorge dal concetto che ci sia meglio quanto peggio e che qa meritare l'eden sia solo il secondo, non che si sia invece tutti assieme seppure qualcuno possa essere più dotato.
C’è poi da dire che per effetto di tante cose non sempre vere, si è finiti a fare guadagnare tanti sulle nostre spalle, con il risultato di avere esaurite le risorse già a metà mese.
Oggi che le ideologie vengono meno, che lo Stato è sequestrato dai briganti, si ha tendenza a pensare solo a noi stessi e nel marasma generale, ci si incanta perennemente dietro a “Carote imbellettate” che solo assaggeremo.
Insomma, la spasmodica offerta di credito, la speculazione ci hanno messo in debito e inchiodano a terra assegnando prezzi troppo alti per la molteplicità delle cose che occorrono.
Quanto si discute, il malessere, è in questo e la domanda che sorge è: quale performance domandano da noi?
- Quali perfetti automi dobbiamo diventare per accontentare questo modello di vita?
Siamo stanchi di stare male e questo accade proprio quando conoscevamo di dover stare bene, proprio quando, chinando la testa abbiamo sempre svolto ciò che veniva richiesto.
Dai debiti si esce allora, ci sono leggi e strumenti per tornare nella società a testa dritta, volendo, quali persone libere e da individui maturi ed essere pensanti dare una mano alla costruzione di una società migliorata.
- La maniera giusta è innanzitutto parlarne, proprio come hai fatto.


Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Veniero Rossi ha detto...

Pagare un debito costituendone uno nuovo, spesso si rivela controproducente o può diventarlo. Infatti, restituendo in un nuovo finanziamento, anch’esso gravato di interessi, la somma precedente, non si otterrà altro che aumentare l'aggravamento complessivo.
E’ facile comprendere che se non si ha disponibilità di pagare la rata, ben difficilmente si otterrà di poterla effettuare con il nuovo piano finanziario in parità di tempo assegnato.
La riduzione dell’importo rata comporta anche a parità di interessi, l’aumento del debito, essendo il “ guadagno” ricavato dal costo.
La possibilità di ottenere denaro, subisce la condizione di poterlo restituire e premesso che l’operatore finanziario svolge con conoscenza della nostra solvibilità il proprio compito, così potrà rifiutare di assegnare nuovo credito o il nuovo finanziamento.
Occorrerà, nel tentativo di avere soldi , dirottare verso operazioni in genere assai costose e in assenza di erogazioni, correre il serio rischio di finire in mani sbagliate.
Vorrei far presente al lettore che esistono Associazioni e Fondazioni che da anni svolgono, spesso contando solo sulle proprie forze, un opera seria di emersione, ristrutturazione alle quali domandare assistenza, aiuto.
Vi è infatti possibilità di accedere a Fondi specifici destinati ad estinguere l’intera esposizione.
In tal caso, non rimarrà che affrontare la restituzione della somma garantita da soggetti istituzionali e che generalmente, anche a fine operazione, non dovrebbe essere più del monte precedente ( qualche onere di interessi è previsto) avendo a che fare con un unico pagamento mensile.
Di contro: lo scarso plafond riservato e probabilmente un periodo un poco troppo corto per la restituzione medesima.
Tuttavia queste non sono le uniche modalità per consentire la ripresa e va anche ricordato che Associazioni e Fondazioni non costituiscono l’unico panorama.
-La Chiesa Cattolica opera attraverso la Caritas e le Misericordie.
-Vi è pure una moltitudine di soggetti privati.
-Studi Legali e Avvocati.
Quando si è in difficoltà, tuttavia, si ha bisogno di ricevere una mano e non di incappare in ulteriori guai, per questo effettuate la vostra ricerca assennatamente, restando con i piedi a terra e valutando attentamente le proposte e perfino chi avete d’avanti.
Aggiungo che sono con voi, anche in seconda, terza, quarta battuta.
Non scoraggiatevi e anzi, fatevi forza e decidete di parlarne, perché si può uscirne recuperando la Dignità.

--Nb: Argomento generale trattato senza pretese.

Riferimenti normativi e link vari, liberamente presi:

http://www.regione.lazio.it/binary/rl_sicurezza/tbl_contenuti/SIC_Elenco_regionale_confidi_associazioni_fondazioni_antiusura_agg_13_03_2018.pdf

https://www.diritto.it/la-nuova-legge-sullusura/

http://www.gazzettaufficiale.it/gunewsletter/dettaglio.jsp?service=1&datagu=2012-01-30&task=dettaglio&numgu=24&redaz=012G0011&tmstp=1327998015987


osma raheem. ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Sportello basta debiti USB ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
SUSAN BENSON ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
world best ha detto...

Questo per informare l'opinione pubblica che il prestito facile è stato dato al tasso d'interesse del 2%, solo le persone serie sono necessarie per iscriversi. contatto.
Sito web: //worldbestloans.wix.com/worldbestloans
Agente di prestito: Larry Buknor
Numero di app Whats: +18454007792
Email: worldbestloans@gmail.com
Grazie.

Success Loan Firm ha detto...

Sei interessato ad ottenere un prestito? Sono un prestatore di prestiti privati, concedo prestiti al 2% all'anno, offro prestiti che vanno da 10.000 € a 950.000 € ....... gentilmente torno da me via email ( lendersuccess@gmail.com) se sei interessato in modo che io possa dare maggiori informazioni sui nostri termini e condizioni del prestito.

Sportello basta debiti USB ha detto...

Impariamo a guardare al Tan e Taeg,indicatore di costo complessivo piuttosto. Rivolgiamoci principalmente alla nostra usuale banca per conoscere la miglior formula di finanziamento, poi guardiamo in giro e sempre badando siano strutture affidabili. Domandiamoci, in ultimo se riusciamo a far senza finanziamento, se è davvero per una causa condivisibile e ciò che ci occorre sia davvero indispensabile. Domandiamoci ancora se veramente vogliamo e possiamo assumerci una responsabilità che può diventare pesante e se abbiamo forza per rinunciare poi ad altre cose,per tanto tempo alle volte.

Unknown ha detto...

Sono la signora Linda Moore un prestatore di crediti certificato, offro prestiti a singoli e al settore pubblico che hanno bisogno di assistenza finanziaria con un basso tasso d'interesse del 2%. Bad credit accettabile, i termini e le condizioni sono molto semplici e premurosi. Non ti pentirai mai di nulla in questa transazione di prestito perché ti farò sorridere. La nostra azienda ha registrato molte innovazioni nella fornitura di servizi finanziari di prima classe ai nostri clienti, in particolare nel settore della sindacazione di prestiti e della fornitura di capitale per privati ​​e aziende. Abbiamo riportato in vita le industrie sofferenti e appoggiamo buone idee imprenditoriali fornendo fondi per il loro inizio. Abbiamo una rete di investitori che sono disposti a fornire fondi di qualsiasi importo a individui e organizzazioni per avviare affari e operazioni. E-mail: lindamooreloans@gmail.com Voglio farvi capire il fatto che la signora Linda Moore è fuori per aiutare i meno privilegi finanziari a tornare in pista, fornendo tutti i tipi di prestiti a loro (EG) mutui, mutui per la casa , prestiti alle imprese, prestiti a sofferenza, prestiti commerciali, prestiti di capitale circolante, prestiti per la costruzione, prestiti per auto, prestiti per hotel e prestiti per studenti, cosa stai aspettando da subito perché non provi la compagnia di prestiti Mrs. Linda Moore ed essere libero dai debiti qualsiasi cliente interessato dovrebbe contattarmi al più presto possibile (lindamooreloans@gmail.com) e io ti aiuterò con il tuo importo del prestito di desiderio okay, mandami una e-mail oggi e sarai contento di averlo fatto. Inviami ora a lendingpointcompany@gmail.com O whatsapp- +19292227999.

Sportello basta debiti USB ha detto...

Impariamo a guardare al Tan e Taeg,indicatore di costo complessivo piuttosto. Rivolgiamoci principalmente alla nostra usuale banca per conoscere la miglior formula di finanziamento, poi guardiamo in giro e sempre badando siano strutture affidabili. Domandiamoci, in ultimo se riusciamo a far senza finanziamento, se è davvero per una causa condivisibile e ciò che ci occorre sia davvero indispensabile. Domandiamoci ancora se veramente vogliamo e possiamo assumerci una responsabilità che può diventare pesante e se abbiamo forza per rinunciare poi ad altre cose,per tanto tempo alle volte.