Visualizzazioni ultimo mese

Cerca nel blog

Translate

giovedì 5 settembre 2019

Kabul alza la testa (e Bruxelles e Roma la chinano)

Marginalizzato e politicamente indebolito dai negoziati solo bilaterali tra Talebani e Americani, il
governo di Kabul prova a fare la voce grossa. Ieri Seddiq Sediqui, il portavoce del presidente Ashraf Ghani, ha reso noto che il governo “è preoccupato e per questo chiede ulteriori chiarimenti per esaminare accuratamente rischi potenziali e conseguenze negative” dell’accordo di Doha tra i Talebani e l’inviato di Trump, Zalmay Khalilzad. Che lunedì ha portato il testo a Ghani e ne ha anticipato alcuni contenuti in un’intervista alla tv ToloNews: ritiro entro 135 giorni dalla firma di 5.400 dei circa 14.000 soldati Usa. Il resto del testo non è pubblico, ma è chiaro il nodo politico. Gli afghani, spalle al muro, si sentono in parte traditi da Khalilzad, che ha derubricato come secondario ciò che fino a pochi mesi fa riteneva prioritario: che alla “pace” tra Americani e Talebani corrisponda quella tra il governo di Kabul e la guerriglia.

La preoccupazione non è solo sua. Dagli Stati Uniti – dove Ghani ha vissuto a lungo – arriva una dichiarazione congiunta di 9 tra ex ambasciatori e inviati speciali Usa in Afghanistan. Sostengono con forza la soluzione negoziata al conflitto, ma chiedono “che il ritiro completo delle truppe avvenga solo dopo una vera pace”, non prima, e che il governo afghano venga sostenuto, non tagliato fuori dai negoziati, come fin qui avvenuto. Rigettano inoltre una delle ipotesi ventilate nelle scorse settimane – un esecutivo a interim dopo la firma dell’accordo – e si dicono a favore dello svolgimento delle presidenziali del 28 settembre. Nessuno sa se si terranno o meno.

Ghani, in cerca del secondo mandato, assicura che le elezioni sono indispensabili per la legittimità del sistema ma alcuni candidati poco convinti si sono già ritirati mentre uno dei favoriti, l'ex consigliere per la sicurezza nazionale Hanif Atmar, ha sospeso la campagna e il premier Abdullah è disposto a rinunciarvi "per favorire la pace". Sul voto un funzionario internazionale da anni a Kabul e che preferisce restare anonimo è sconsolato: “Continua a stupirmi la mancanza di conoscenza diretta della realtà dell'Afghanistan quotidiano di vari analisti che pontificano sul futuro... se solo chiedessero in strada e nelle campagne alla gente cosa pensa delle elezioni che, secondo la consumata narrativa americana, ogni non talebano vorrebbe disperatamente…”. Sfiducia sul voto dunque ma anche rabbia e rumor di ogni tipo tra cui quello, riferisce una fonte, secondo cui gli americani sparerebbero addirittura sui soldati afgani. Clima teso e preoccupato. Anche tra gli umanitari che lavorano nel Paese. Luca Lo Presti di “Pangea” se ne fa tramite: “Al tavolo negoziale sono assenti i temi legati alla popolazione: i diritti delle donne o quello all’istruzione. Solo controllo e spartizione del potere. Che trattativa è”?

Non la spiega nemmeno il segretario generale della Nato Stoltenberg che, incontrando Mike Pompeo, si limita a ribadire “sostegno pieno agli Usa”. Si, ma i suoi 16mila soldati che faranno? In Italia la cosa è nelle mani di due neoministri: Di Maio e Lorenzo Guerini, che dal Comitato parlamentare per la sicurezza (Copasir, controllo parlamentare sui servizi segreti) è stato mandato alla Difesa a sostituire la ministra pentastellata Trenta che si è distinta per le sue visite in mimetica (uno stile ereditato da La Russa) al contingente italiano in Afghanistan (800 uomini) che il governo gialloverde, nonostante le posizioni “ritiriste” in campagna elettorale, ha ridotto solo di un centinaio di unità. Lodigiano e già vicesegretario del Pd si spera che almeno smetta l’uso della mimetica. Ma soprattutto il nuovo capo della Farnesina potrebbe prendere una posizione visto che erediterà dal silenziosissimo Moavero Milanesi il dossier afgano che il suo predecessore aveva avocato a sé sottraendolo al sottosegretario per l’Asia Manlio Di Stefano. Per tenerlo nel cassetto.

A quattro mani con Giuliano Battiston


1 commento:

Levis Mendez Bounchy ha detto...

Ciao amici, mi chiamo Levis Mendez Bounchy, vengo da Roma, sono qui per diffondere la buona notizia ai bisognosi. Ero depresso quando mia moglie mi ha lasciato per un altro uomo perché mi è stato chiesto di smettere di lavorare perché avevo il cancro e mi sono rotto. Ha portato via la mia unica figlia, quindi la mia unica opzione era quella di morire, ho provato a chiamarla ma mi ha ignorato, ho inviato i suoi messaggi di testo e all'improvviso ha risposto e mi ha detto di non chiamarla o mandare più messaggi così un giorno mi metto in contatto con un mio amico su Facebook e gli ho spiegato tutto e mi ha anche detto che aveva gli stessi problemi prima e mi ha fatto conoscere un incantatore chiamato Doctor osagiede, mi ha inviato la sua e-mail personale, l'ho contattato tramite doctorosagiede75@gmail.com e lui mi ha risposto rapidamente gli ho spiegato i miei problemi e mi ha detto di non preoccuparmi di averlo fatto per così tante persone che sono un uomo che non ha mai creduto nell'incantesimo ma ho deciso di provarlo mi ha assicurato 24 ore per lanciare il incantesimo e cura anche me del cancro e procurami un lavoro migliore e improvvisamente mi ha inviato i farmaci per la mia malattia l'ho preso per soli 2 giorni ed ero libero non ho mai creduto ai miei occhi il giorno dopo, qualcuno ha bussato alla mia porta e io non si aspettava nessuno quel giorno all'improvviso era mia moglie lei bu prima in lacrime e non potevo sopportarlo, mi ha supplicato e mi ha chiesto perdono immediatamente ho ricevuto una telefonata dalla mia compagnia dove ho lavorato per anni sono stato promosso come direttore della società paragon negli Stati Uniti per favore aiutatemi grazie al dottor osagiede per ripristinando tutto ciò che ho perso prima, per favore, consiglierò chiunque abbia bisogno di aiuto per contattare il dottor osagiede tramite la sua e-mail personale a doctorosagiede75@gmail.com o whatsapp al numero +2349014523836 grazie a Dio benedica coloro che impiegano del tempo a leggere questa testimonianza buona fortuna